Istituto Comprensivo "Monsignor Saba" Elmas

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home

NON  PIÙ TRA NOI, EPPURE COSÌ PRESENTE…

Solitamente, nella commemorazione di un personaggio illustre, si ricordano in forma solenne, la vita e le opere dello scomparso. Vengono enfatizzati (e a volte edulcorati), i momenti più belli e le esperienze più significative. Lo scomparso appare spesso come un super-eroe, scevro da difetti, debolezze umane, sentimenti ed emozioni. 

Non così è stato il ricordo tributato a Giovanni Ruggeri, nel ventennale della sua scomparsa, presso il teatro di via Goldoni dove, con estrema semplicità e parole di affetto e stima, è emersa la figura di un uomo leale e amico di tutti.
L’attuale sindaco di Elmas, signor Antonio Ena, l’On. e sindacalista Giorgio Macciotta, il politico e già Sindaco di Quartu  Graziano Milia, il Sindaco di Cagliari Massimo Zedda, hanno parlato di un amico generoso, di un politico di spessore, di un sindaco impegnato che ha sempre lavorato per la comunità e mai per i suoi personali interessi (qualità alquanto rara, di questi tempi!).
Dalle testimonianze, sono emersi frammenti che ci hanno rivelato un Giovanni profondamente umano, affettuoso e amante della famiglia, ma anche sempre disponibile verso il prossimo.
Una volta, in occasione del Cenone di Capodanno, invitò un collega di partito a casa sua, ma poi, prima della mezzanotte, si recarono insieme presso gli operai di una fabbrica, in lotta per la difesa del posto di lavoro.
Si preoccupava, come un buon padre, della vita dei giovani iscritti al partito, fossero operai o studenti. Era orgoglioso quando, questi ultimi, ottenevano risultati brillanti e li spronava a perseverare.
- Un uomo normale, uno di noi, che amava Celentano e le sue canzoni, sebbene non fosse propriamente portato per il canto…- ha ricordato con un sorriso l’On. Macciotta. 
Il Dott. Asunis, primo Sindaco di Elmas indipendente e memoria storica del paese, ha parlato di Giovanni Ruggeri come di una persona sempre impegnata nell’attività sindacale e sociale. La sua azione amministrativa si interruppe tragicamente il 14 gennaio del 1997.
E poiché era morto non solo il sindaco e il politico, ma un uomo che era amico di tutti, la popolazione rimase scossa e una folla commossa partecipò al cordoglio, rendendogli l’omaggio che meritava.
E oltre ai concittadini, molte persone arrivarono da tutta la Sardegna, per salutare un uomo rimasto operaio, nonostante gli incarichi importanti ricevuti nel Partito e nel Consiglio Regionale.
A rendergli l’estremo saluto, non solo gente comune, ma il cordoglio venne espresso con commozione anche dalle autorità: il vice-sindaco Prof. Marcilio Marcis, il Presidente del Consiglio Gian Mario Selis, l’On. Gavino Angius, l’On. Giorgio Macciotta.
Ma anche in occasione del XX° anniversario della scomparsa, tante sono state le persone che non lo hanno mai dimenticato: la partecipazione emotiva del pubblico presente in teatro, era palpabile.
Lo stesso sindaco di Elmas, sig. Antonio Ena, che ha avuto la fortuna di conoscere l’Uomo e il Maestro, ha ricordato con commozione l’onestà intellettuale e gli insegnamenti che Giovanni Ruggeri gli ha lasciato e che ha messo e metterà in pratica, con rigore e responsabilità.
Anche l’attuale Sindaco di Cagliari e Sindaco Metropolitano, Massimo Zedda, pur non avendo conosciuto personalmente Giovanni Ruggeri (“Ero molto piccolo quando frequentava la mia casa, perché grande amico di mio padre Paolo”), ha avuto parole di stima, riconoscenza e affetto per le sue grandi doti umane e politiche, evidenziate dai racconti del padre.
Ma il ricordo più “dolce” è stato quello del piccolo Giovanni Ruggeri, il nipotino che porta lo stesso nome del nonno.
Con determinazione ha voluto leggere i pensieri scritti dagli allievi delle classi terze della Scuola Secondaria di 1° grado “Mons. Saba” che, in mattinata, si erano recati in Cimitero e in Comune, per rendere omaggio al Sindaco scomparso.
Una serata rievocatrice di bei momenti, resa ancor più suggestiva dai brani eseguiti dalla corale  “Schola Cantorum Villa del Mas”.
Una serata tra persone amiche che hanno voluto ricordare, tutte insieme, il grande patrimonio che Giovanni Ruggeri ci ha lasciato: la ricchezza dei suoi insegnamenti e il contributo, importantissimo ancora oggi, della sua esperienza. Grazie!


Maestra Brunella Angius

 

Scuolanext
Banner
Banner
Banner

Amministrazione trasparente

Banner

TotalErg per la Scuola

Banner
Banner
Banner
Dott. Luca Manunza

Tutti a Iscol@

Banner
Banner
Banner

Manovre di disostruzione

Banner
Banner
Banner

Chi è online

 23 visitatori online
Banner
Banner

Questo sito web fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per saperne di piu consulta la sezione privacy.

Per proseguire devi accettare i cookies da questo sito o modificare le impostazioni del tuo browser

EU Cookie Directive Module Information